L'incarico riguarda, in verità, la sola zona di ingresso e di attesa dello studio. Si sà che un semplice interveto di ristrutturazione edilizia, limitato ad una determinata zona di una casa, finisce, quasi sempre, per allargarsi a tutto il resto dell'immobile. In questo caso, no, si è, infatti, cercato di circoscrivere l'intervento, strettamente alle richieste, precise del committente. Lo studio legale, occupa una parte consistente di grande appartamento (350 mq. circa), di un antico palazzo napoletano. L'avvocatura, per i committenti, è l'attività che si tramanda da generazioni e, la casa, ha, da sempre svolto il ruolo di studio. Una casa-studio di antica tradizione, in poche parole. Si cercato di dare risalto al ruolo storicamente assunto nella casa dall'attività professionale, creando un grande muro curvo rosso posto al centro, leggermente rastremato verso l'alto.